Logo Perda SonadoraPerda Sonadora

A tie (edduca a chie si no a tie)

Le canzoni di Pisurzi

Una bellissima poesia sul ballo sardo scritta da uno scrittore del Settecento, le cui opere sono state curate in maniera inimitabile da Giancarlo Porcu. In questo testo emerge in primo piano il ruolo  che ha nel canto e nel ballo la vivacità scatenata delle ragazze.

 

PISURZI Juanne Maria Mela Pisutzu (Bantine 1707- 1796)

 

Da”Le canzoni di Pisurzi” edizione critica e traduzione curate da Giancarlo Porcu, Il Maestrale 2017

 

A tie (edducca a chie si no a tie)

A tie (edducca a chie si no a tie)

La do sa culpa e mi poto chensciare.

No as àppidu a chie nde ‘ogare

A pittighe in su ballu si no a mie.

 

No lu pensao e ne creia mai

sende in su ballu su mezus fiorinu.

Inie fit comare Anninnonnai

cun sa cumpagna Risu-Matzoninu

cantende: “A chi at ramen de acconciai”

Inghiriàan su ballu a pabadinu

tirende a destra a manca a calche unchinu

chi bi nd’aiat pro nd’istesserare.

 

Inie fit Comare Brigadiera

portende a manu destra  A-tiro-a-tiro,

a manu manca a Tziu Bonassera,

gridende a dogni passu: “Giro giro,

dami sa manu, faghide carrera,

comare, uahi chi como regiro

cantende a versu versu “Andiro andiro”,

comare dami sa coa a girare”.

 

Bi fit comare Ne-brutta-ne-netta

saltiende in su ballu notte e die,

chi li pendian duas grandes fettas

dae su attile in palas fin’a inie.

Compare Tziddu ballende a bratzetta

cun Comare Butto-mirend’a-tie

cantende: “In custu logu non ch’at chie

chi nos cherzat e nos potat leare.”

 

Inie fit Comare Ischida-so-

-da’-Illanada-a-manu-de-Lanivittu

cantende:”Noranninno e anninnò”,

andaiat su ballu a pibitittu.

Compare Engone faghiar su bòo

E Comare Ambighina su faltzittu,

a màniga ‘ola ‘ola su corittu

e-i su cansciu a su làssam’istare.

 

Inie fit Comare Bisadorzu

eppur’eppuru a manu d’Etza-ancora

cun sa cannuja missa in su chintorzu

saltiende in su ballu da’ intr’a fora

cantende: “A chi at peddes pro filonzu”.

Istàat chena torrare alenu un’ora

Comare Ciaraballu cantadora,

no arrughiat mai de cantare.

 

Inie fit Comare Rosinitta

cherfende corrigire dogni falta

cun sas iscarpas suas a pattitta

e-i su cansciu a s’oru de s’imbalta,

chi tottu cantos la miràana fitta

cantende a s’illanada e a s’isparta,

narende, chi fit fiza o fit fizastra,

che la gighian a l’iscungiolare.

 

 

Pro fine, su fiore ‘e sa giuventura

fit pro ballare inie cungregadu

chi faghian pius mezus figura

chi no eo chi inie fia contadu

Inter tantas illustres ermosuras

etzedentes a mie in summu gradu,

e tue a didu tentu mi as notadu

ca ischis chi non poto cuntrastare.

 

 

A te (ebbene, a chi fuorché a te

Do la colpa e indirizzo il mio lamento. A te che fra i ballerini non hai trovato altri su cui malignare tranne me.

Non l’avrei mai pensato e creduto possibile, dato che ero nel ballo il miglior figurino. C’era Comare “Anninnonnai” con la compagna “Risu-Matzoninu” che cantando “per chi ha cose di rame da aggiustare” volteggiavano al centro del ballo gridando e tirando a destra e a manca calci a uncino tali da provocare slogature.

C’era  Comare “Brigadiera” che aveva alla sua destra “A-tiro-a-tiro”, alla sinistra “Tziu Bonossera” e gridava a ogni passo “Giro giro, dammi la mano, fate spazio, comare, ahi che ora perdo la testa se canto a ogni verso:”Andiro andiro”, comare voltati per far le piroette”.

C’era Comare “Ne-brutta-ne-netta” che saltava nel ballo notte e giorno, e le pendevano due grandi nastri dalla nuca sino a quel posto. Compare “Tziddu” ballava  a braccetto con Comare  “Butto-mirend’a tie” che cantava “Qui non c’è nessuno che ci voglia e possa prendere con sé”.

C’era Comare “Ischida-so-da’e-illanada-a manu-de-Lanivittu”, e cantava “Noranninnò e anninnò”, il ballo procedeva sinuoso. Compare “Engone” faceva la voce del basso e Comare “Ambighina” quella del contralto, con la manica svolazzante del giubbetto e la sottana tutta scombinata.

C’era Comare “Bizadorzu” finalmente accanto a “Etza-ancora” con la conocchia infilata alla cintola che saltava fuori dal cerchio del ballo cantando: “Chi scambia pellame con filato?”. Non riprendeva fiato da un’ora Comare “Cuiaraballu” canterina, mai rauca per il cantare.

C’era Comare “Rosinitta” intenzionata a correggere ogni errore con le sue scarpe ciabattose e la sottoveste che spuntava dalla balza, sicchè tutti quanti la fissavano mentre cantava sguaiata e a voce alta, e dicevano che, fosse figlia e figliastra, l’avrebbero portata a farsi esorcizzare.

Insomma, il fior fiore della gioventù si era lì riunito per ballare  e facevano miglior figura di me annoverato fra tante illustri amenità che mi sovrastavano in sommo grado, ma tu hai biasimato solo me perché sai che non posso replicare. 

 

 

 

Archivio

Facebook Twitter Youtube Instagram