Logo Perda SonadoraPerda Sonadora

poesia orale e poesia popolare

la canzone

La lezione di Paul Zumthor ci ha insegnato che la poesia popolare oggi la possiamo trovare soprattutto nelle canzoni.  In quelle che tutti amano, che cantano sotto la doccia, che girano nella testa con i loro ritornelli. E ognuno ha le sue. Ve ne propongo una che amo in modo particolare, preparandomi a salutare gli amici che hanno seguito la pagina del Cabudanne de sos poetas in questi anni. Non è sarda, non è italiana, è una poesia/canzone della mia generazione, scritta da un grande artigiano della canzone, Stephen Stills, chitarrista e cantante dei Buffalo Springfild, Crosby, Stills, Nash &Young, Manassas, etc. Questa canzone è talmente “popolare” che tra cento anni sarà ancora cantata e l’autore sarà dimenticato, come si conviene a ogni poesia popolare. Provate a vedere in rete le tante varianti interpretate con amore e passione, e soprattutto con gioia!  Le interpretazioni più belle sono quelle apparentemente più scalcagnate, come è tipico della poesia popolare.

https://www.youtube.com/watch?v=b5CtbphY10k

https://www.youtube.com/watch?v=QjT5bPTin_k

https://www.youtube.com/watch?v=2LLlV2S4oS0

https://www.youtube.com/watch?v=IiejW6K83Xo

Helplessly hoping
Her harlequin hovers nearby
Awaiting a word
Gasping at glimpses
Of gentle true spirit
He runs, wishing he could fly
Only to trip at the sound of good-bye

Wordlessly watching
He waits by the window
And wonders 
At the empty place inside
Heartlessly helping himself to her bad dreams
He worries
Did he hear a good-bye? Or even hello?

They are one person
They are two alone
They are three together
They are for each other

Stand by the stairway
You'll see something
Certain to tell you confusion has its cost
Love isn't lying
It's loose in a lady who lingers
Saying she is lost
And choking on hello

They are one person
They are two alone
They are three together
They are for each other

 

Senza la speranza di un aiuto

Il suo Arlecchino le ronza intorno

Aspettando una parola

Supplicando uno sguardo

Di una persona dolce sincera

Lui corre, aspirando a volare,

Solo per perdersi al suono di un addio.

 

Con lo sguardo muto

Aspetta alla finestra

E interroga

lo spazio vuoto che ha dentro

affrontandosi senza pietà per il suo incubo

lui si preoccupa

è un addio quello che ha sentito? O ancora un ciao?

 

Loro sono una sola persona

Loro sono due soli

Loro insieme valgono per tre

Loro sono l’uno per l’altra

 

In piedi presso le scale

Vedrai qualcosa

Di certo, la confusione ha il suo costo

L’amore non è mentire

È perdere in una donna che continua

A dire che è perduta

E soffoca in un ciao.

 

Loro sono una sola persona

Loro sono due soli

Loro insieme valgono per tre

Loro sono l’uno per l’altra

 

Trad. Mario Cubeddu

Archivio

Facebook Twitter Youtube Instagram